Riabilitazione motoria

Per riabilitazione motoria s’intende l’insieme di pratiche che favoriscono il recupero di funzioni motorie perdute per cause di diversa natura, traumatica o patologica, ed evitano il verificarsi di complicazioni secondarie.

Le motivazioni per ricorrere allo specialista sono molteplici e possono coprire esigenze di vario genere: con la riabilitazione motoria si interviene prima e dopo un intervento, sfruttando la manualità, gli esercizi, e anche ambienti di diverso tipo, inclusa l’acqua.

La riabilitazione motoria prevede diversi step:

1) valutazione del grado d’invalidità per quanto riguarda la diagnosi della problematica che ne è alla base, sia per l’analisi delle componenti invalidanti nei confronti della limitazione funzionale evidente;

2) Prognosi sul recupero possibile;

3) impostazione del programma terapeutico;

4) applicazione pratica del programma attraverso l’intervento di uno o piú specialisti, a seconda della diagnosi.

ASPETTI PRINCIPALI DELLA TERAPIA:

  • prevenzione delle complicanze;
  • riduzione degli aspetti sintomatologici invalidanti (miglioramento del tono muscolare, ripristino della funzionalità articolare, aumento della capacità respiratoria, ecc.);
  • laddove sia necessario, terapia sostitutiva mediante l’applicazione di tutori e protesi
  • La riabilitazione motoria accompagna il paziente anche dopo il percorso, considerando che prevede un vero intervento “educativo” del paziente al di fuori della terapia e soprattutto in caso di gestione di una disabilità permanente.
riabilitazione motoria
riabilitazione motoria