Laser Yag al servizio della fisioterapia

Laser Yag: tecnologia e fisioterapia

Laser YAG: innovazione al servizio della fisioterapia

Laser Yag e fisioterapia
Laser Yag e fisioterapia

Il lavoro manuale è il primo fondamentale per ogni fisioterapista, ma ormai con l’evoluzione sono possibili tanti trattamenti con aiuto di macchinari come la terapia tramite il laser YAG, appena arrivato in Fisiorihabilita a supporto delle attività tradizionali.

Si tratta di un particolare tipo di laser innovativo che sfrutta l’effetto fotochimico (che accelera il metabolismo a livello cellulare), fotomeccanico e fototermico (che causa aumento della temperatura del tessuto con maggior afflusso di sangue e ossigeno).
COME FUNZIONA?
La sua luce laser con lunghezza d’onda di 1064 nm agisce in profondità: il flusso di questo laser ha una capacità di penetrazione di 5-6 cm e va a provocare delle modificazioni nella membrana cellulare, che portano ad una riattivazione e alla stimolazione del metabolismo delle cellule con effetti:
– analgesico
– antinfiammatorio
– linfodrenante
– biostimolante
Il Laser Yag combatte contemporaneamente il sintomo, ovvero lo stato doloroso, e la patologi: grazie al trasferimento in profondità dell’energia favorisce la riparazione dei tessuti, consente di rispettare il tempo di rilassamento termico di questi ultimi, per un trattamento in massima sicurezza.

Naturalmente, ci dev’essere il giusto studio e sapere del corpo umano per decidere dove indirizzare il fascio di luce e con quanta insistenza, perchè non è la solita ed immaginabile Laserterapia: è indicata per patologie muscolo-tendinee o traumatiche articolari. All’apparenza è molto semplice perchè il macchinario emette una luce laser che passata su muscoli infortunati trasferisce energia ai tessuti sofferenti e li ripristina, attraverso effetto fotochimico, equilibrio energetico compromesso.

Presso Fisiorihabilita viene utilizzato molto per il trattamento di borsiti, sinoviti, capsuliti, epicondiliti,  tendinite, tenosinoviti, edemi, ematomi da trauma, patologie post-traumatiche o da sovraccarico, condropatie rotulee in traumatologia sportiva, fibromialgie.

Laser Yag: il trattamento

Laser Yag acceleratore di guarigione
Laser Yag acceleratore di guarigione

Perché gode di un grande potere antinfiammatorio conseguenza dell’effetto fototermico, al momento della applicazione c’è un aumento localizzato della temperatura, con conseguente vasodilatazione distrettuale e aumento del flusso di sangue portante ad un maggior apporto dei fattori antinfiammatori e alla velocizzazione del metabolismo cellulare.

Ri”stimolando” i nostri massaggi linfodrenanti, questo aiuta anche loro nel raggiungere l’obiettivo, favorendo un miglior circolo di sostanze nel corpo, infatti poi si procede a catena lungo tutto il corpo, perchè riduce i gonfiori che possono essere causati da traumi contusivi o distorsivi. Traendo beneficio dal suddetto flusso è possibile anche migliorare la cicatrizzazione muscolare ed epidermica. Sembra fantascienza ma ecco come possono avvenire le terapie con diversi fasci di luce in maniera intermittente permettendo di andare a trattare in maniera più mirata sulle zone maggiormente dolorose ed infiammate, riescono ad avere un effetto prevalentemente antidolorifico, grazie il giusto riassorbimento dei tessuti, creando al paziente una sensazione piacevole di calore non eccessivo che distende i muscoli che avverte solo una sensazione distensiva di calore non eccessivo, ma appunto terapeutico.

Eugenio Fiorentino

Condividi la tua opinione