cellulite e fisioestetica

Cellulite e fisioestetica: la radiofrequenza

Cellulite e fisioestetica: un problema al femminile

Quando si parla di cellulite, le donne sanno bene che oltre ad essere un inestetismo, siamo di fronte ad una vera e propria patologia: quando non viene adeguatamente trattata, implica il deterioramento del derma, la riduzione del tono del collagene e la mancanza di ricambio efficiente di sangue con conseguenti disturbi circolatori.

Le donne sanno bene che la pannicolopatia edemato fibrosa é, purtroppo, di loro appannaggio, per molteplici cause, che vanno dagli ormoni tipicamente femminili alla struttura del tessuto connettivo, passando per le abitudini alimentari, fino a collegamenti con altre patologie legate a circolazione, sistema linfatico ed altro.

Nel trattamento della cellulite,  anche la Fisioterapia, con la Fisioestetica nello specifico, può essere un grande aiuto.

Onde d’urto, linfodrenaggio, pressoterapia e radiofrequenza si integrano e, agendo su fronti diversi, ripristinano uno stato di salute profondo che si riflette anche sull’aspetto puramente estetico.

Cellulite e fisioestetica: la radiofrequenza

La radiofrequenza viene utilizzata soprattutto per ridurre lo spessore adiposo in varie parti del corpo, e si basa sulla capacità delle onde radio di generare calore.

La radiofrequenza determina un vero e proprio “shock termico” benefico, controllato ed indolore, che stimola i fibroblasti a produrre nuovo collagene.
Mentre raggiunge maggiore profondità, l’effetto termico induce vasodilatazione, favorendo la circolazione sanguigna e linfatica, che a sua volta provoca diminuzione del versamento e l’aumento del riassorbimento dei liquidi interstiziali, riducendo la comparsa di #cellulite.
Alla vista e al tatto, notiamo:
  • netto miglioramento del tono dei tessuti
  • riduzione della ritenzione idrica
  • sensibile calo delle circonferenze.
PERCHÉ LA RADIOFREQUENZA CON APPLICAZIONE MEDICALE FUNZIONA?
I risultati sono ottimali perché l’utilizzo medicale consente la variazione e la gestione delle frequenze, cosa non prevista per un trattamento estetico, che prevede frequenze fisse, basse e non modulabili.
cellulite e radiofrequenza
cellulite e radiofrequenza

Cellulite: l’importanza di una postura corretta

Una postura scorretta può incidere molto sulla cellulite. L’utilizzo prolungato di scarpe non adeguate, esempio tacchi alti o scarpe da tennis, a anche restare immobili per parecchie ore al computer o sui tablet/ smartphone, possono provocare una stasi venosa e arteriosa, ovvero un’infiammazione dei tessuti con un accumulo di siero che gonfia le cellule di grasso nella zona vicina alla testa del femore.

Per prevenire la cellulite, quindi, non basta solo fare attività fisica e seguire una dieta adeguata, ma bisogna stare attenti a postura e alle calzature che indossiamo.

.Eugenio Fiorentino

Condividi la tua opinione